Tiziano Bianchi inizia a studiare tromba all’eta’ di 8 anni all’Istituto Musicale Pareggiato Claudio Merulo di Castelnovo ne’Monti (RE), dove si diploma nel settermbre 2002.
Nel luglio del 2008 prende parte agli Umbria Jazz Clinics a Perugia, dove vince una borsa di studio per il Berklee College of Music di Boston.
Nel gennaio 2009 si trasferisce a Boston per iniziare a frequentare i corsi e dove rimane per quasi tre anni, durante i quali vince la Al Natale Brass Scholarship e B.A.S Scholarship per meriti accademici.
Si lauera con lode in ‘Professional Music’ al Berklee College of Music nel maggio 2011.
Nel maggio 2013 viene selezionato come Finalista per il Premio Internazionale Massimo Urbani 2013.
Da settembre 2013 tiene il corso di Tecniche di Improvvisazione Jazzistica all’Istituto Musicale Pareggiato ‘Claudio Merulo’ di Castelnovo ne’ Monti.
Dal gennaio 2015 tiene lo stesso corso anche al’Isituto Pareggiato ‘A.Peri’ di Reggio Emilia.
Nel giugno 2013 risulta idoneo all’insegnamento per i Corsi Pre-Accademici dell’Istituo Musicale Peri-Merulo di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti.
Nel settembre 2015 prende parte alle ‘Summer School’ organizzate dall’Isituto ‘Peri-Merulo’, svolgendo il ruolo di Docente Assistente nel Masterclass di Alto Perfezionamento Jazzistico tenuto dal M. Tiger Okoshi, trombettista di fama internazione e docente al Berklee College of Music.
Nel 2016 esce il suo primo disco solista ‘Now and then’, prodotto dal Tiger Okoshi, e che ospita la voce di Giovanni Lindo Ferretti.
Nel 2016 vince il ‘Premio Roberto Zelioli’ assegnato da ‘Albinea Jazz’ come artista emergente dell’anno, aprendo il concerto del ‘Charles Lloyd Quartet’ durante la rassegna.
Ha suonato e collaborato con importanti artisti tra cui:
Vinicio Capossela (Ovunque Proteggi Tour), Giovanni Lindo Ferretti (Now and then, 2016), Tiger Okoshi (Now and then, 2016), Cesare Cremonini (Logico, 2014), Woods (Brooklyn), Mara Redeghieri (ex Ustmamo’), Stefano Cisco Bellotti (ex Modena City Ramblers), Julie’s Haircut, Eliel Lazo.
Ha svolto tour e concerti in importanti Festival e club in Italia, Stati Uniti, Europa e India.


Campo di musica, ne ho scritto, parlato, cercando di ordinare una moltitudine di pensieri contrastanti. Campo di musica usando le parole: senso suono ritmo. Ho cominciato con i CCCP, scandivo urlavo salmodiavo. Con i CSI mi sono avvicinato, con timore, alla melodia. Era tanto tempo fa. Diverse volte ho deciso di smettere, smettere di cantare e salire sul palco, non mi è mai riuscito; sempre qualcosa cambiava le carte in tavola e ricominciavo, da un’altra parte. Rispondo sempre – no – alle proposte di collaborazione, quasi mai per questioni prettamente musicali, è un – no – che coinvolge il mio modo di vivere, di operare, di rapportarmi agli altri. Tiziano mi ha chiesto di leggere un suo testo, per il suo ultimo lavoro, ho detto – si – senza sapere di che si trattava. Volevo solo fargli piacere. Per lui la musica è ragione di vita, quotidiana. Incontrare musicisti, suonare in pubblico e in privato, studiare, comporre, registrare: è tutto ciò che desidera. Suona la tromba e il flicorno. Gli ottoni mi attraggono per la potenza evocativa, qualcosa che ha a che fare con le scuderie e i cavalli e gli spazi aperti. Tiziano abita, in media valle, su questi monti e pur girando il mondo con soddisfazione poi torna a casa. Questo per me è importante.
(Giovanni Lindo Ferretti)


Io credo che la musica di Tiziano ci trasporti in un luogo calmo nella nostra mente. I brani di questo disco contengono tutti gli elementi presenti delle nostre ricche vite come i sorrisi, le lacrime, le emozioni, la meraviglia, le paure, la luce e l’oscurità piena di speranza. Il bellissimo timbro della sua tromba e il lirismo delle sue composizioni ci dicono che è uno dei più talentuosi artisti di oggi. Bravo!
(Tiger Okoshi)